Phone +39 threefoureight 0331144

Comunicare efficacemente: una partita a scacchi

 

I perugini, nella loro semplicità e schiettezza, dicono:

"le chiacchiere non fanno frittelle".

Vero. Come per qualsiasi esperienza, una reale comprensione si ha, appunto, sperimentando. Tuttavia, entro certi limiti, devi essere in grado di sapere in anticipo in che direzione ti porterà un certo percorso.

La maniera migliore per descrivere il metodo che seguo è riportare alcune domande che emergono frequentemente tra coloro che si rivolgono a me. Se ne hai altre, mandami una email ad angelo chiocciola communicationskill.it o postala sul forum e sarà mia cura risponderti.

Angelo

"A che ti servirà la grammatica se non sai come usarla?"

 


 

1. In cosa consiste, esattamente, il coaching?

Molto brevemente: in un allenamento a comunicare in un'altra lingua (inglese o francese, nel mio caso), simulando in maniera il più possibile realistica la situazione concreta che ti trovi o ti troverai a fronteggiare nel tuo lavoro o, in generale, nella tua situazione di vita. C'è un motivo molto preciso per questo: se devi affrontare una situazione comunicativa importante (come, ad esempio, un colloquio di lavoro in inglese o francese), il primo errore che molti commettono è credere di poterla superare con successo solamente sulla base di un insieme di nozioni apprese. La ricerca scientifica le chiama "cognizioni fredde". Nel "momento della verità ci troviamo invece "immersi" nelle nostre normali reazioni emotive ad una situazione che per noi è importante: ansia, eccitazione, curiosità, paura, ecc. E' allora che invece di asettici contenuti nozionistici, emerge la persona in tutta la sua complessità. Essersi allenati, allora, ti permette di essere "immerso ma non sommerso" da tutto questo. Ti consente di impiegare a tuo vantaggio ciò che senti, in tempo reale, per poter trasmettere non solo ciò che sai, ma anche ciò che SEI....che tra l'altro è ciò che ogni esperto di selezione del personale conosce bene e cerca di comprendere per decidere se sei "la persona giusta". Esattamente nella stessa maniera in cui tu stesso/a decidi se affidarti ad un coach o meno: "posso affidarmi alla persona che ho di fronte per intraprendere insieme un percorso di apprendimento?". Un coach è sopratutto una persona di cui ti fidi, che può "allenarti" in un contesto sicuro, privo di giudizi e pregiudizi.

2. Come faccio a sapere se mi è più utile il coaching o un classico corso di inglese?

a. Se hai un obiettivo specifico! Superare un'intervista di lavoro in inglese; trattare con clienti o fornitori esteri; Intraprendere un viaggio; trasferirti all'estero; prepararti a gestire un team multiculturale; prepararti ad un’esperienza di formazione all’estero.
b. Se hai già una base ma ti manca l'impiego PRATICO dell’inglese o del francese! Ti serve qualcuno in grado di "allenarti" a comunicare sulle tematiche che ti interessano, che siano materie di studio, il tuo business, o la tua passione artistica.
c. Se vuoi apprendere in modo efficace, ottimizzando il tempo limitato a tua disposizione, più che "fare lo studente" con compiti ed esercizietti! UN COACH è un allenatore che facilita il tuo apprendimento IN LINGUA INGLESE o FRANCESE di competenze non solamente linguistiche. Ad esempio: migliorare la tua capacità di comunicare efficacemente, aumentare la tua leadership, metterti in grado di gestire relazioni in lingua inglese, ecc.
d. Se sei rimasto insoddisfatto o demotivato da precedenti "corsi di lingua": questo in genere succede perché NON STAI CERCANDO DI APPRENDERE SOLO LA LINGUA MA QUALCOSA DI PIÙ E DI DIVERSO: IL MODO DI USARLA!
 
 

3. Perché dovrei preferire il coaching a una classica lezione di inglese?

Non devi per forza preferire il coaching ad una classica lezione! A volte la classica "lezione" è tutto ciò che serve (e può costare anche meno!). Dovresti preferire il coaching in tutti quei casi in cui hai bisogno di imparare non solo la lingua ma anche come comunicare efficacemente in un contesto specifico. Il mio coaching può offrirti almeno tre cose che un "normale insegnante di lingua" non può darti: una conoscenza profonda dei meccanismi del business internazionale; una esperienza ventennale di comunicazione (come formatore nelle business schools ai massimi livelli, come attore di teatro, come "expatriate" e viaggiatore per il mondo); ed infine, una conoscenza delle basi scientifiche dei processi di comunicazione e l'esperienza della loro applicazione in un contesto pratico, reale! 

 

4. Quanto tempo ci vuole per ottenere un risultato?

 Una domanda da un milione di dollari! Se per questo intendi "quanto tempo ci vuole in teoria per ottenere un risultato", la risposta è purtroppo logicamente impossibile. Un pò come chiedere "quanto tempo ci vuole per arrivare a Timbuctù?" senza sapere da dove si parte né con quale mezzo si viaggia. Se invece vuoi avere una idea di quanto tempo ci vorrà, a te, per comunicare più efficacemente in inglese o francese, il livello di conoscenza della lingua dal quale parti è ovviamente un fattore importante - anche se spesso non nel senso che immaginiamo! In genere, più il livello è avanzato, più lungo è il periodo che passa tra l'inizio dell'attività di coaching e il raggiungimento di un risultato che sia riconosciuto come "effettivamente importante". Per quanto mi sia successo, con un obiettivo molto ben definito, di raggiungere un risultato di rilievo, tangibile e molto specifico, nel giro di 6-7 incontri, con persone dotate di un livello di inglese molto avanzato la norma è di impiegare diversi mesi prima di raggiungere un cambiamento significativo nelle abitudini di comunicazione. Diverso è il caso di principianti, per i quali è possibile "vedere" dei risultati concreti in tempi relativamente brevi. Ma nel caso di persone con un livello avanzato, sono convinto che chiunque affermi il contrario inganna se stesso e gli altri. Per questo, il mio metodo dà priorità al "contratto iniziale": una vera e propria negoziazione sulla base del modello della curva di apprendimento, stabilendo obiettivi tangibili, misurabili, e verificabili.

 

5. Bisogna avere già un livello avanzato in inglese o francese per seguire un percorso di coaching?

Assolutamente no. E' molto più importante avere degli obiettivi precisi, specifici - e uno dei "compagni di strada" di tutto il percorso è proprio questo: una continua definizione e ri-definizione degli obiettivi: "dove stiamo andando?", "dove vogliamo andare?", "quali ostacoli imprevisti sono emersi lungo la strada?", ecc.

 

6. E' possibile fare un incontro preliminare, di prova?

Assolutamente si. Incontriamoci, gratuitamente (nei limiti della distanza da Perugia) e capiamo insieme se ha senso intraprendere un percorso di coaching.

 

7. Quali sono i costi?

La mia tariffa è di 25€ l'ora (50 minuti). Sono previste riduzioni per incontri più lunghi, per programmi su base mensile, ecc. Sono previste anche delle maggiorazioni sulla base della distanza che devo percorrere per arrivare sui luoghi degli incontri.

LA NEWSLETTER

Resta informato sulle mie iniziative, approfondisci il coaching, e leggi le storie di chi ho aiutato a migliorare le proprie capacità di comunicazione.

News dal mondo del coaching!

CONTATTI

13, Via Montefreddo
16132 Perugia (ITALIA)

cell. +39.trequattrootto.0331144
angelo[chiocciola]communicationskill.it

CONTATTAMI